X FACTOR 7 : la mia prima cronaca da non blogger

Roberta-PompaStreet-Clerks-e1382626349793

Sono usciti la Pompa e gli Street Clerks. Il motivo non l’ho capito, in entrambi i casi. La prima  era molto brava e i secondi erano un gruppo interessante e valido. Brutti, ma bravi e parecchio. E aggiungerei simpatici, dote non diffusissima tra i concorrenti di X Factor  di quest’anno. Si è salvata la moglie dell’Uomo Ragno, Gaia ed il domatore di ragionieri,  Fabio.

Ma andiamo per ordine. Si comincia con un omaggio alle Pussy Riot,  con i passamontagna colorati, ma senza tette di fuori. E giù tutti a dire che coraggio che ha X Factor Italia a fare questo. Mika è addirittura orgoglione di far parte di cotanto team.

CattelArbre Magic gusto Eucalipto indossa l’ultimo divano della Ferilli, mentre George Clooney nel backstage indicandolo gli chiede “Volluto?“E Cattelan, scapicollandosi verso il palco dove sta iniziando la diretta, gli grida: “no, casual!

I giudici sono schierati, Morgan vestito da John Lennon somiglia in modo inquietante al disturbatore Paolini ed anche questo credo sia “non volluto”

I cantanti della prima manche sono i meno forti, spicca la bionda Pompa che fa un figurone con True Colors cantata come Diocomanda. Ed io che notoriamente sono ingenua, penso che una così stasera davvero non può uscire. Tony degli Ape Escape scapella in Mentre tutto scorre cercando di scacciarsi di dosso i due rapper-mosconi, ma tutto sommato va bene nonostante le scelte allucinanti di Simona Ventura che non riesce a distaccarsi dal mainstream nemmeno di un millimetro.

Valentina incontra Bruno Mars e lo mette al tappeto, di rose rosse. Morgan le dice che ha avuto problemi di intonazione. E meno male che se ne è accorto, è da inizio programma che stona. E’ stata intonata solo ai provini. Io che notoriamente dormo da piedi, penso che stasera sarà lei ad andare a casa.

Fabio, che la prossima volta vedrei bene con un costume da bagno  intero a righe anni ’20, canta dignitosamente La casa in riva al mare, capolavoro di Lucio Dalla. Ora io Fabio lo vorrei in altri contesti, premio Tenco, Musicultura, Lunezia, ma non ad XF.

Apprezzo poi Andrea che canta Grease con grande modernità e un vestito fatto con le strisce della carta moschicida.

Il domatore di commercialisti  Fabio va in sfida con la Pompa, ed io che sono stupida penso che avrà la peggio, Ed invece la Ventura ci informa che di voci femminili ce ne sono tante e elimina Roberta, seguita a ruota da Morgan che nulla può di fronte al fascino dei cantautori, Dalla e Tenco in primis. Sgomma la Pompa.

Gli altri cantano dopo il duetto funebre Carboni- Ferro. Scrivo su Twitter: “Cosa canteranno Ferro e Carboni? Miniera?”

Gaia canta in italiano. Monnalisa di Ivan Graziani, versione Marlene Kuntz, versione Catwoman. Con la tutina nera Gaia sembra piuttosto una mosca dispettosa. Le sue movenze sexy ladresche ti fanno venire voglia di prendere il Raid. Ecco per chi era la carta moschicida di Andrea. Per lei e per i rapper di Tony.

Gli Street Clerks incappano nella guerra di secessione e nelle tende di Rossella O’Hara, ma ahimè anche nelle scelte fatali della Ventura. Loro comunque fanno sempre un buon lavoro.

Ma il momento “olgettina” è in agguato ed arriva Aba, miracolosamente sopravvissuta al brano della Lennox di una settimana fa. Oggi tentano di farla fuori con Beyoncè, deve cantare e sculettare facendo su e giù per degli scalini molto alti indossando tacchi 12. Ad un certo punto inciampa e rischia lo schianto. Momento di suspence. Ma si riprende con un abile colpo di reni e torna in verticale. Grande!

Ottimo come sempre Michele, che sembra Alessio Boni che fa Walter Chiari. Carino, tesorino, bravissimo. Il Tempo delle mele reloaded. The best.

Ultima in gara la simpaticona Violetta con l’ukulele, che rende banale la bellissima Reckoning Song/One Day di Asaf Avidan. In mano sua diventa una cosa tipo vecchia fattoria e nun se po’. Io che sono quella che come al solito non c’ha capito niente mi auguro che vada a casa.

Nell’attesa del verdetto della seconda manche, arriva Tom Odell e gli rifilano la scenografia di Wrapped around your finger dei Police.

Ovviamente Violetta passa e vanno in sfida la mosca Gaia e gli Street Clerks. Mika dice che il gruppo avrebbe maggiori chance fuori da XFactor. Tutti gli credono, anche il  pubblico da casa chiamato a decidere con il tilt. Gaia è salva, tanto poi ci pensa  Andrea con la carta moschicida. Street Clerks eliminati.

Pompa e Street Clerks, quindi, sono le vittime illustri della quarta puntata live di XF/ altresì detta Hell Factor.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...